JAGUAR LAND ROVER PRESENTA LA TAVOLA DA SURF REALIZZATA CON PLASTICA RICICLATA

FROM-WASTE-TO-WAVE

Per quasi 70 anni Land Rover ha trasportato un numero incalcolabile di persone sui terreni più impervi, ma oggi sta per effettuare la sua prima uscita sull’oceano con la tavola da surf del progetto “Waste to Wave”, realizzata con la plastica riciclata dai primi modelli in argilla dei veicoli.

Mentre ogni anno vengono scaricate negli oceani 8 milioni di tonnellate di plastica, che per decomporsi impiega centinaia di anni, Jaguar Land Rover ha incrementato il proprio impegno verso l’eliminazione totale degli scarti, creando una gamma di tavole da surf interamente costituite di plastica riciclata.

La tavola è stata realizzata in collaborazione con la SkunkWorks Surf Co – una società del settore che si impegna a minimizzare l’impatto ambientale – per essere poi messa alla prova sulle coste dell’Irlanda del Nord da Lucy Campbell, la campionessa inglese di surf. La tavola da surf è stata costruita con le esatte dimensioni (5’7 x 18 3/8 x 2 3/16) volute dalla Campbell, attualmente impegnata a gareggiare nel circuito internazionale. La tavola è dotata di bordi in fibra di carbonio dalla prua e di una striscia in carbonio dalla poppa, che le conferiscono ulteriore robustezza, ma con la flessibilità richiesta per le manovre più impegnative.

Il poliuretano è impiegato nella costruzione dei modelli in argilla a grandezza naturale dei veicoli, che vengono realizzati a mano durante le fasi iniziali di progettazione dei nuovi veicoli. Il polimero costituisce lo “scheletro” del modello, che abitualmente viene distrutto dopo il lancio della vettura, mentre l’argilla viene riciclata e reimpiegata sul posto. Ora Jaguar Land Rover recupera tutta la plastica, che viene tagliata in blocchi pronti per una seconda vita come tavola da surf o paddleboard.

La prima unità, per la quale è stata usata la plastica di un modello Discovery Sport recuperata nel giugno 2017, è stata disegnata e costruita da SkunkWorks Surf Co nell’Irlanda del Nord. Land Rover ha quindi invitato Lucy Campbell, la surfista numero uno del Regno Unito, a guidare una Discovery Sport prima di mettere alla prova il prototipo della tavola sulle onde della spiaggia di Whiterocks, nell’ Irlanda del Nord.

Lucy Campbell ha dichiarato: “Appena ho sentito parlare di questo progetto ho desiderato farne parte. L’oceano è un’ampia parte della mia vita, e perciò per me è molto importante diffondere la consapevolezza della assoluta necessità di preservarlo. Non sapevo molto dei processi di un progetto automobilistico, ed è stato affascinante apprendere come Jaguar Land Rover riesca a dare una ‘seconda vita’ ai materiali impiegati. Entrare in acqua e provare la tavola per la prima volta è stato grandioso.”

Ricky Martin, cofondatore della SkunkWorks Surf Co, aggiunge: Sono un appassionato surfista, e ritengo che creare tavole sostenibili in grado di cavalcare le onde sia fantastico. Quando Jaguar Land Rover mi ha contattato con l’idea di reimpiegare il poliuretano non vedevo l’ora di contribuire al progetto, riducendo anche gli sprechi – un tema che mi sta molto a cuore. Il feedback di Lucy è stato estremamente utile. La sua esperienza con alcune delle migliori onde del mondo sarà impagabile, nello sviluppo ulteriore dei nostri processi produttivi.”

Jaguar Land Rover mira all’eliminazione totale degli scarti, concentrandosi sulla prevenzione tramite la reingegnerizzazione, variando i processi produttivi, massimizzando quelli a circuito chiuso e infine reimpiegando i materiali.

Condividi con i tuoi amici

Scrivi