La più capace e robusta Land Rover mai prodotta prende il centro della scena al Motor Show di Francoforte

Land Rover ha svelato la Nuova Defender con una spettacolare performance, al Motor Show di Francoforte.

La nuova 4×4 ha fatto la sua prima apparizione al salone scendendo da una rampa con un’inclinazione di 42°- in diretta mondiale, di fronte ai suoi fan.

L’inarrestabile Defender è la più forte e capace Land Rover mai prodotta; il suo debutto a Francoforte pone fine alla sua prima avventura, che l’ha vista partire dalla Valle dei Castelli in Kazakistan, uno dei posti più remoti della terra.

Kenton Cool, alpinista di professione, era alla guida della Defender in Kazakistan e a Francoforte, per apporre il suo sigillo di approvazione, insieme a Zara Tindall, medaglia olimpica di equitazione.

La Nuova Defender completa la dinastia Land Rover, affiancando il lusso impareggiabile e la raffinatezza Range Rover e la capace versatilità dei SUV Discovery.

Gli allestimenti della gamma comprendono la Defender, S, SE, HSE, First Edition e il top di gamma: la Defender X. I clienti potranno personalizzare il proprio veicolo con ben quattro Accessory Packs. I pacchetti Explorer, Adventure, Country e Urban conferiscono, ognuno, un distinto carattere alla Defender, secondo lo stile di vita preferito. L’esclusivo modello First Edition vanta specifiche esclusive e sarà disponibile per tutto il primo anno di produzione.

A Francoforte sono stati presentati esemplari con le diverse personalizzazioni, a dimostrazione dell’ampiezza della gamma Defender, accanto alla robusta versione commerciale che sarà commercializzata il prossimo anno in versione 90 e 110.

Felix Bräutigam, Chief Commercial Officer di Jaguar Land Rover, dichiara: “La nuova Defender sarà disponibile in 128 mercati, e soddisfa – o supera – i più severi requisiti mondiali in termini di emissioni e sicurezza. Grazie alla tecnologia avanzata che sottende la robustezza meccanica abbiamo ottenuto la forza e il carattere che si possono trovare solo in una Defender. Con quattro personalità fra le quali scegliere, due stili di carrozzeria e una completa gamma di opzionali, i clienti potranno personalizzare la Defender facendone la compagna del loro stile di vita.”

Kenton Cool, che ha scalato l’Everest 14 volte, dichiara: “La Defender, e i modelli che l’hanno preceduta, sono stati la spina dorsale di innumerevoli avventure, che risalgono ad oltre 70 anni fa. È stato emozionante iniziare il nuovo capitolo di questa iconica 4×4 guidandola nella sua prima spedizione: l’avventura nel Kazakistan l’ha veramente testata al limite. Posso affermare con certezza che la pendenza affrontata qui a Francoforte è solo un piccolo esempio delle stupefacenti capacità su strada e in off-road del veicolo.”

Un’icona reimmaginata

Il profilo inconfondibile identifica istantaneamente la Defender, con gli sbalzi ridotti che garantiscono angoli ottimali di attacco e di uscita.

Gerry McGovern, Chief Design Officer di Land Rover, dichiara: “La nuova Defender rispetta il passato ma non ne è prigioniera. Questa è una nuova Defender per una nuova Era. La sua personalità esclusiva è accentuata dal profilo caratteristico e dalle proporzioni ottimali, che la rendono desiderabile e capace – una 4×4 affascinante che indossa il suo design e l’integrità progettuale con un impegno senza compromessi.”
Il nuovo pianale D7x (x sta per Extreme) è basato su una monoscocca in alluminio e realizza la più rigida struttura mai prodotta da Land Rover.

Tre volte più rigida della soluzione tradizionale scocca-telaio, è stata progettata per superare l’Extreme Event Test di Land Rover ed è la base perfetta per le sospensioni indipendenti pneumatiche o a molle, consentendo anche le più recenti soluzioni di elettrificazione.

Una gamma di propulsori diesel e benzina assicurano che la nuova Defender abbia potenza, controllo ed efficienza in ogni tipo di ambiente; l’anno venturo si unirà alla gamma un ibrido Plug-in (PHEV), per una marcia silenziosa con la sola propulsione elettrica.

Con la trazione integrale permanente, la trasmissione a due gamme di velocità, la capacità di traino massima di 3.500 kg e il carico statico massimo sul tetto di 300 kg, la Defender è la compagna ideale di ogni avventura.

È inoltre la prima Land Rover a montare il Configurable Terrain Response, che tara finemente le regolazioni del veicolo ottimizzandole con precisione per il tipo di terreno. Il nuovo programma Wade ottimizza il guado – e infonde fiducia quando si devono attraversare strade e piste allagate. La profondità massima di guado della Defender è di 900 mm.

All’interno, la funzionale cabina è caratterizzata da elementi strutturali a vista e da tecnologie del ventunesimo secolo, incluso il nuovo avanzato infotainment Pivi Pro. Il touchscreen di prossima generazione è più intuitivo e di facile impiego, richiede meno input per svolgere i compiti più comuni, mentre la sua progettazione “Always-on” garantisce una risposta quasi istantanea. La tecnologia Software-Over-The-Air, con i suoi 14 moduli in grado di ricevere aggiornamenti da remoto assicura ai clienti Defender un software costantemente aggiornato ovunque si trovino.

Nick Rogers, Executive Director of Product Engineering di Jaguar Land Rover, aggiunge: “Abbiamo ripreso tutte le stupefacenti capacità Defender e i suoi interni minimalisti e funzionali per reinventare l’icona del ventunesimo secolo. La Nuova Defender ci permette di lavorare in modo differente, di ampliare i suoi confini, di realizzare l’impensabile, senza nulla perdere del carattere e dell’autenticità dell’originale. Fin dall’inizio eravamo ossessionati dalla funzionalità, partendo dalla scelta dei materiali giusti per arrivare allo stato dell’arte della connettività. Il risultato non è solo la più capace Land Rover di sempre, ma un veicolo moderno e molto confortevole che le persone ameranno guidare.”

Svelata anche una partnership umanitaria

Nello stand di Francoforte era presente una Defender 110 con la livrea internazionale della Federazione Internazionale della Croce Rossa e della Mezzaluna Rossa (IFRC), poiché Land Rover ha annunciato il rafforzamento della partnership con questa organizzazione fornendo le Defender per il programma “Disaster Response Vehicle assessment”. Tutti i veicoli impiegati dall’IFRC devono completare questo complesso procedimento prima di passare in servizio attivo.

Le relazioni di Land Rover con la Croce Rossa risalgono a 65 anni fa: la prima Land Rover entrò in servizio in Medio Oriente, trasformata in dispensario mobile, nel 1954. Nei i prossimi tre anni Land Rover sosterrà le iniziative di preparazione e risposta alle calamità in alcuni Paesi, inclusi India, Messico e Australia.

Un intuitivo configuratore online consente di personalizzare la Defender velocemente e facilmente. Per scegliere e configurare la propria Defender: https://www.landrover.it/vehicles/defender/index.html

 


Condividi con i tuoi amici

Scrivi